Porre fine alle distorsioni più utile che inseguire il mito della progressività