La doppia pregiudizialità: da un'architettura a «geometria fissa» ad una a «geometrie variabili»