I ‘labili’ confini del concetto di ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza