Un vaccino per il corpo, un vaccino per l'anima: ripensare la cura come atto di corresponsabilità