Diffamazione, pena detentiva e chilling effect: la Consulta bussa alla porta del legislatore