Il settantesimo anniversario, o dell’ineluttabile politicità delle riforme costituzionali