Umanità della pena: chimera o traguardo possibile?