Editoriale al n. 2/2020