Umbria: segnali di continuità?