La Cassazione e la "nomofilachia" (a proposito dell'art. 363 c.p.c.)