Il danno differenziale tra diritto vivente e diritto vigente