Political parties enjoyed in the Italian legal order a great level of autonomy both inside and outside the Parliament because of their foundational role in the Republican experi-ence reflected also in the constitutional compromise. The autonomy of representative institutions seems to be dependent on the liberal model of democracy chosen by the Constituent Assembly in order to guarantee political actors and political process. The original reasons for this state of things were understandable and justifiable. However, it seems necessary to investigate whether they are still sustainable, also considering the end of those conventions of the constitutions that have been fundamental in maintaining the democratic and institutional system.

I partiti politici hanno goduto, nell’ordinamento italiano, di una grande autonomia dentro e fuori dal Parlamento derivante dal loro ruolo fondativo dell’esperienza repubblicana e del compromesso costituzionale. L’autonomia “guarentigiata” delle istituzioni rappresentative sembra infatti derivare proprio dal modello di democrazia liberale operata dal Costituente, a tutela dei soggetti e delle sedi del processo politico. Se le ragioni originarie di questo stato di cose sono ben comprensibili e per ampia parte giustificabili, conviene interrogarsi sulla sostenibilità della loro perduranza nell’attuale quadro politico, alla luce del venir meno di tutta una serie di convenzioni costituzionali che sorreggevano l’equilibrio del sistema democratico e istituzionale.

I partiti in Parlamento e nelle istituzioni politiche / Piccirilli, Giovanni. - In: DIRITTO COSTITUZIONALE. - ISSN 2611-2590. - 2:3(2019), pp. 85-111.

I partiti in Parlamento e nelle istituzioni politiche

Giovanni Piccirilli
2019

Abstract

I partiti politici hanno goduto, nell’ordinamento italiano, di una grande autonomia dentro e fuori dal Parlamento derivante dal loro ruolo fondativo dell’esperienza repubblicana e del compromesso costituzionale. L’autonomia “guarentigiata” delle istituzioni rappresentative sembra infatti derivare proprio dal modello di democrazia liberale operata dal Costituente, a tutela dei soggetti e delle sedi del processo politico. Se le ragioni originarie di questo stato di cose sono ben comprensibili e per ampia parte giustificabili, conviene interrogarsi sulla sostenibilità della loro perduranza nell’attuale quadro politico, alla luce del venir meno di tutta una serie di convenzioni costituzionali che sorreggevano l’equilibrio del sistema democratico e istituzionale.
Political parties enjoyed in the Italian legal order a great level of autonomy both inside and outside the Parliament because of their foundational role in the Republican experi-ence reflected also in the constitutional compromise. The autonomy of representative institutions seems to be dependent on the liberal model of democracy chosen by the Constituent Assembly in order to guarantee political actors and political process. The original reasons for this state of things were understandable and justifiable. However, it seems necessary to investigate whether they are still sustainable, also considering the end of those conventions of the constitutions that have been fundamental in maintaining the democratic and institutional system.
I partiti in Parlamento e nelle istituzioni politiche / Piccirilli, Giovanni. - In: DIRITTO COSTITUZIONALE. - ISSN 2611-2590. - 2:3(2019), pp. 85-111.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Piccirilli - Partiti in Parlamento (DirCostQuadrimestrale).pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: DRM non definito
Dimensione 805.75 kB
Formato Adobe PDF
805.75 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11385/190152
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact