Della corruzione degli antichi comparata a quella dei moderni: considerazioni a margine delle riflessioni di Luca Fezzi