Un sorriso senza offesa. La satira religiosa e i suoi limiti