L'insostenibile pluralità della giurisprudenza. Il giovane Schmitt e la certezza del diritto