Mercato del lavoro, inflazione e recessione: un contributo paleokeynesiano