I quartieri come beni comuni: il caso di Roma