L’ipotesi di gruppi macroregionali e la conservazione del localismo bancario