L'onda lunga della sentenza 251/2016 della Corte costituzionale