Il trade off tra conservatism e fairness alla luce della recente crisi finanziaria