La successione degli Stati nel debito pubblico