Retribuzione variabile e crisi economica