Article 25-quater was introduced into the system outlined by Legislative Decree No. 231/2001 through Law No. 7 of 14 January 2003, to implement supranational obligations, which required the recognition of forms of liability even for legal persons in the broader framework of the fight against terrorism. The fact that this provision has never been applied – in spite of the current escalation of the terrorist threat on a global scale – raises questions about its function and effectiveness for the purposes of the “Decree 231". Shifting from the acknowledgement of supranational sources of reference, this article focuses on the major issues of interpretation raised by the provision, aiming at highlighting the friction with the principle of legality and with the objective criterion (the “interest” or the “benefit”) for the attribution of liability, showing in the meantime the significant impact on the construction of compliance programs.

L’art. 25-quater ha fatto ingresso nel sistema delineato dal d.lgs. n. 231/2001 mediante la l. 14 gennaio 2003, n. 7, in attuazione di obblighi di matrice sovranazionale che, nel più ampio quadro di contrasto al fenomeno terroristico, imponevano il riconoscimento di forme di responsabilità anche a carico della persona giuridica. La circostanza che la disposizione in commento non sia mai stata applicata – a dispetto dell’attuale escalation della minaccia terroristica a livello globale – induce ad interrogarsi sulla funzione e sull’effettività della fattispecie nell’economia del ”decreto 231”. Muovendo dalla ricognizione delle fonti sovranazionali di riferimento, il presente contributo si sofferma sulle principali questioni interpretative sollevate dalla norma, con l’obiettivo di evidenziarne i profili di frizione con il principio di legalità e con il criterio oggettivo d’imputazione dell’interesse o vantaggio, illustrando al contempo le significative ricadute sul piano della costruzione del modello organizzativo.

Delitti di terrorismo e responsabilità da reato degli enti tra legalità e esigenze di effettività / Sabia, Rossella. - In: DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO. - ISSN 2240-7618. - 1(2017), pp. 208-225.

Delitti di terrorismo e responsabilità da reato degli enti tra legalità e esigenze di effettività

SABIA, ROSSELLA
2017

Abstract

L’art. 25-quater ha fatto ingresso nel sistema delineato dal d.lgs. n. 231/2001 mediante la l. 14 gennaio 2003, n. 7, in attuazione di obblighi di matrice sovranazionale che, nel più ampio quadro di contrasto al fenomeno terroristico, imponevano il riconoscimento di forme di responsabilità anche a carico della persona giuridica. La circostanza che la disposizione in commento non sia mai stata applicata – a dispetto dell’attuale escalation della minaccia terroristica a livello globale – induce ad interrogarsi sulla funzione e sull’effettività della fattispecie nell’economia del ”decreto 231”. Muovendo dalla ricognizione delle fonti sovranazionali di riferimento, il presente contributo si sofferma sulle principali questioni interpretative sollevate dalla norma, con l’obiettivo di evidenziarne i profili di frizione con il principio di legalità e con il criterio oggettivo d’imputazione dell’interesse o vantaggio, illustrando al contempo le significative ricadute sul piano della costruzione del modello organizzativo.
Responsabilità da reato degli enti, Delitti di terrorismo (articolo 25-quater d.lgs. n. 231/2001), Principio di legalità, Modelli di organizzazione e gestione, Corporate Criminal Liability, Terrorism Offenses (Article 25-quater of Legislative Decree No. 231/2001), Principle of Legality, Compliance Programs
Article 25-quater was introduced into the system outlined by Legislative Decree No. 231/2001 through Law No. 7 of 14 January 2003, to implement supranational obligations, which required the recognition of forms of liability even for legal persons in the broader framework of the fight against terrorism. The fact that this provision has never been applied – in spite of the current escalation of the terrorist threat on a global scale – raises questions about its function and effectiveness for the purposes of the “Decree 231". Shifting from the acknowledgement of supranational sources of reference, this article focuses on the major issues of interpretation raised by the provision, aiming at highlighting the friction with the principle of legality and with the objective criterion (the “interest” or the “benefit”) for the attribution of liability, showing in the meantime the significant impact on the construction of compliance programs.
Delitti di terrorismo e responsabilità da reato degli enti tra legalità e esigenze di effettività / Sabia, Rossella. - In: DIRITTO PENALE CONTEMPORANEO. - ISSN 2240-7618. - 1(2017), pp. 208-225.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SABIA_Delitti di terrorismo e responsabilità degli enti.pdf

Open Access

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: DRM non definito
Dimensione 357.74 kB
Formato Adobe PDF
357.74 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11385/174636
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact