Danno da morte e "stare decisis": la versione di Bartleby