Motivazione, autorevolezza interpretativa e “trattato giudiziario”