Serve, ancora, un'Europa dei piccoli passi?