Onore e diritto penale hanno rappresentato tradizionalmente un binomio problematico. Sono noti i dibattiti sul concetto di onore come legittimo oggetto di tutela penale; e altrettanto noti sono i problemi originati dai rapporti di interferenza tra onore e libertà di manifestazione del pensiero. La necessità di un bilanciamento tra i due diritti ha fatto però recentemente emergere un profilo sinora trascurato nella riflessione teorica, che concerne la congruità del trattamento sanzionatorio della diffamazione. Ciò alla luce della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, che tende a censurare l’uso della sanzione detentiva anche a fronte di fatti di diffamazione non scriminati dall’esercizio dei diritti di cronaca o di critica, in nome delle esigenze di una tutela ‘forte’ dell’attività giornalistica, il cui ruolo di ‘cane da guardia della democrazia’ è costantemente sottolineato nelle sentenze di Strasburgo. Obiettivo del lavoro è quello di riflettere sulla legittimazione dell’intervento penale in materia, e ragionare sulle possibili prospettive di riforma di questo delicato settore della parte speciale del diritto penale.

Diffamazione e legittimazione dell'intervento penale: contributo a una riforma dei delitti contro l'onore / Gullo, Antonino. - (2013), pp. 1-224.

Diffamazione e legittimazione dell'intervento penale: contributo a una riforma dei delitti contro l'onore

GULLO, ANTONINO
2013

Abstract

Onore e diritto penale hanno rappresentato tradizionalmente un binomio problematico. Sono noti i dibattiti sul concetto di onore come legittimo oggetto di tutela penale; e altrettanto noti sono i problemi originati dai rapporti di interferenza tra onore e libertà di manifestazione del pensiero. La necessità di un bilanciamento tra i due diritti ha fatto però recentemente emergere un profilo sinora trascurato nella riflessione teorica, che concerne la congruità del trattamento sanzionatorio della diffamazione. Ciò alla luce della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, che tende a censurare l’uso della sanzione detentiva anche a fronte di fatti di diffamazione non scriminati dall’esercizio dei diritti di cronaca o di critica, in nome delle esigenze di una tutela ‘forte’ dell’attività giornalistica, il cui ruolo di ‘cane da guardia della democrazia’ è costantemente sottolineato nelle sentenze di Strasburgo. Obiettivo del lavoro è quello di riflettere sulla legittimazione dell’intervento penale in materia, e ragionare sulle possibili prospettive di riforma di questo delicato settore della parte speciale del diritto penale.
9788854864320
Onore; Pena detentiva; Cedu; diffamazione
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Diffamazione e legittimazione intervento penale 2013.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: DRM non definito
Dimensione 1.35 MB
Formato Adobe PDF
1.35 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11385/169583
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact