Licenza di diritti della proprietà industriale, unicità del mercato comune e regole di concorrenza in una controversa sentenza della Corte di Giustizia: prime osservazioni