Il premio di maggioranza visto dalle Regioni: un mostro a due teste