La sentenza n. 238 del 2014 sull’immunità degli agenti degli Stati esteri per crimini contro l’umanità farà certamente assai discutere e ha tutte le carte in regola per consolidarsi come una pietra miliare della giurisprudenza della Corte costituzionale. Con la pronuncia in questione la Corte infatti dichiara che la norma internazionale a cui l’ordinamento italiano si conforma, ai sensi dell’art. 10, comma 1, Cost., non comprende l’immunità degli Stati dalla giurisdizione civile in relazione ad azioni di danni derivanti da crimini di guerra e contro l’umanità, lesivi di diritti inviolabili della persona, i quali risultano per ciò stesso non privi della necessaria tutela giurisdizionale effettiva. Con questa decisione la Corte Costituzionale riporta l’attenzione sui c.d. controlimiti, una categoria di fattura giurisprudenziale, sulla quale la dottrina si è abbondantemente soffermata, che rappresenta una sorta di ultimo baluardo giurisdizionale di tutela della Costituzione. Si tratta infatti di quei principi che non sono modificabili nemmeno mediante la procedura di revisione costituzionale e non possono essere derogati per dare applicazione a quelle norme che, in virtù della speciale copertura costituzionale offerta rispettivamente dagli artt. 7, 10 e 11 Cost. al diritto concordatario, internazionale consuetudinario e dell’Unione Europea, possono normalmente comportare la non applicazione delle norme interne, finanche costituzionali.

La sentenza costituzionale n. 238/2014: tra illecito internazionale e controlimiti / Faraguna, Pietro. - In: STUDIUM IURIS. - ISSN 1722-8387. - 3(2015), pp. 267-276.

La sentenza costituzionale n. 238/2014: tra illecito internazionale e controlimiti

FARAGUNA, PIETRO
2015

Abstract

La sentenza n. 238 del 2014 sull’immunità degli agenti degli Stati esteri per crimini contro l’umanità farà certamente assai discutere e ha tutte le carte in regola per consolidarsi come una pietra miliare della giurisprudenza della Corte costituzionale. Con la pronuncia in questione la Corte infatti dichiara che la norma internazionale a cui l’ordinamento italiano si conforma, ai sensi dell’art. 10, comma 1, Cost., non comprende l’immunità degli Stati dalla giurisdizione civile in relazione ad azioni di danni derivanti da crimini di guerra e contro l’umanità, lesivi di diritti inviolabili della persona, i quali risultano per ciò stesso non privi della necessaria tutela giurisdizionale effettiva. Con questa decisione la Corte Costituzionale riporta l’attenzione sui c.d. controlimiti, una categoria di fattura giurisprudenziale, sulla quale la dottrina si è abbondantemente soffermata, che rappresenta una sorta di ultimo baluardo giurisdizionale di tutela della Costituzione. Si tratta infatti di quei principi che non sono modificabili nemmeno mediante la procedura di revisione costituzionale e non possono essere derogati per dare applicazione a quelle norme che, in virtù della speciale copertura costituzionale offerta rispettivamente dagli artt. 7, 10 e 11 Cost. al diritto concordatario, internazionale consuetudinario e dell’Unione Europea, possono normalmente comportare la non applicazione delle norme interne, finanche costituzionali.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2015_3_studiumiuris_2382014_controlimiti_estratto ISSN.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Tutti i diritti riservati
Dimensione 327.04 kB
Formato Adobe PDF
327.04 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11385/166681
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact