L’autore analizza la nuova fattispecie di traffico di influenze illecite prevista dall’art. 346 bis c.p. evidenziando come l’assenza, allo stato, di una disciplina sostanziale dell’attività di lobbying, nonché, più in generale, di una regolamentazione del procedimento di formazione e partecipazione alle determinazioni dei decisori pubblici, rischi di rendere assai fluido il confine tra condotte lecite e fatti realmente prodromici alla corruzione e quindi meritevoli di sanzione penale.

Lobbying e rischio penale / Scaroina, Elisa. - In: DIRITTO PENALE E PROCESSO. - ISSN 1591-5611. - 6(2016), pp. 811-829.

Lobbying e rischio penale

SCAROINA, ELISA
2016

Abstract

L’autore analizza la nuova fattispecie di traffico di influenze illecite prevista dall’art. 346 bis c.p. evidenziando come l’assenza, allo stato, di una disciplina sostanziale dell’attività di lobbying, nonché, più in generale, di una regolamentazione del procedimento di formazione e partecipazione alle determinazioni dei decisori pubblici, rischi di rendere assai fluido il confine tra condotte lecite e fatti realmente prodromici alla corruzione e quindi meritevoli di sanzione penale.
Lobbying e rischio penale / Scaroina, Elisa. - In: DIRITTO PENALE E PROCESSO. - ISSN 1591-5611. - 6(2016), pp. 811-829.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Lobbying e rischio penale.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: DRM non definito
Dimensione 430.72 kB
Formato Adobe PDF
430.72 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11385/166032
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact