Giudizio di legittimità e «politica delle riforme»