La «competenza» interna della nuova pretura circondariale