Una pseudopolemica su «cognizione» ed «esecuzione forzata»