Il dissenso del magistrato costituisce sempre prova «esimente»?