Magistrati e avvocati: di chi sono le colpe?