L’epilogo (in Parlamento) del caso Di Girolamo: l’“opzione” tra dimissioni, annullamento dell’elezione e autorizzazione all’arresto di un senatore