Una lezione sul “fatto” nel processo di primo grado