IL SENATO: UNA LOTTERIA SENZA VINCITORI