Ancora sul caso Eternit. La “giustizia” e il sacrificio dei diritti