Autorizzazioni e concessioni: presidi dell’interesse pubblico o barriere all’accesso al mercato?