I molti e i pochi: la società "sotto-sopra" dei diseguali