Le imprese italiane hanno introdotto i piani di incentivazione azionaria verso la fine degli anni ’90, quando il delinearsi di alcune caratteristiche dell’ambiente competitivo ed istituzionale ne hanno favorito la diffusione. Paradossalmente, tali strumenti si sono diffusi nel nostro paese proprio quando, negli Stati Uniti, l’opinione pubblica e parte della dottrina iniziavano a metterne in discussione l’efficacia. Questo lavoro intende, a distanza di alcuni anni dall’affermazione delle stock option, analizzare lo “stato dell’arte” in Italia, valutare l’evoluzione delle caratteristiche tecniche di tali strumenti, approfondire le finalità che ne hanno favorito l’implementazione, formulare ipotesi plausibili in merito al loro futuro utilizzo. I principali risultati indicano che (i) il grado di penetrazione delle stock option all’interno delle struttura organizzativa, benché crescente, risulta tuttavia ancora marginale rispetto alla realtà anglosassone, (ii) gli strumenti option-based sono principalmente indirizzati ai top manager, al fine di incentivarne un comportamento volto alla creazione di valore, (iii) nonostante l’evoluzione dell’ambiente istituzionale non sia particolarmente favorevole, le stock option sembrano destinate a rimanere un elemento importante del pacchetto retributivo dei manager delle maggiori società quotate del nostro paese.

La diffusione dei piani di stock option in Italia: situazione attuale e prospettive future / Viscogliosi, B.; Zattoni, Alessandro. - In: ECONOMIA & MANAGEMENT. - ISSN 1120-5032. - 1(2008), pp. 69-89.

La diffusione dei piani di stock option in Italia: situazione attuale e prospettive future

ZATTONI, ALESSANDRO
2008

Abstract

Le imprese italiane hanno introdotto i piani di incentivazione azionaria verso la fine degli anni ’90, quando il delinearsi di alcune caratteristiche dell’ambiente competitivo ed istituzionale ne hanno favorito la diffusione. Paradossalmente, tali strumenti si sono diffusi nel nostro paese proprio quando, negli Stati Uniti, l’opinione pubblica e parte della dottrina iniziavano a metterne in discussione l’efficacia. Questo lavoro intende, a distanza di alcuni anni dall’affermazione delle stock option, analizzare lo “stato dell’arte” in Italia, valutare l’evoluzione delle caratteristiche tecniche di tali strumenti, approfondire le finalità che ne hanno favorito l’implementazione, formulare ipotesi plausibili in merito al loro futuro utilizzo. I principali risultati indicano che (i) il grado di penetrazione delle stock option all’interno delle struttura organizzativa, benché crescente, risulta tuttavia ancora marginale rispetto alla realtà anglosassone, (ii) gli strumenti option-based sono principalmente indirizzati ai top manager, al fine di incentivarne un comportamento volto alla creazione di valore, (iii) nonostante l’evoluzione dell’ambiente istituzionale non sia particolarmente favorevole, le stock option sembrano destinate a rimanere un elemento importante del pacchetto retributivo dei manager delle maggiori società quotate del nostro paese.
La diffusione dei piani di stock option in Italia: situazione attuale e prospettive future / Viscogliosi, B.; Zattoni, Alessandro. - In: ECONOMIA & MANAGEMENT. - ISSN 1120-5032. - 1(2008), pp. 69-89.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Viscogliosi&Zattoni_E&M2008.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: DRM non definito
Dimensione 186.11 kB
Formato Adobe PDF
186.11 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11385/147634
Citazioni
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact