Minority shareholdings e controllo delle concentrazioni: nihil sub sole novi?