La critica della storia tra diritto e delitto