Una fonte insostituibile per la demografia storica: la documentazione ecclesiastica