La prassi regolatoria e giurisprudenziale italiana in materia di self-cleaning è compatibile con il diritto dell’Unione Europea?