Vitalizio assistenziale: tra aleatorietà del rapporto e governo delle sopravvenienze